La norma UNI EN ISO 37001:2016 ed il SG Anticorruzione: in Rivista Qualità l’approfondimento

La norma tecnica ed internazionale UNI EN ISO 9001:2015 sui Sistemi di Gestione per la Qualità (anche solo SG qualità) costituisce sotto il profilo manageriale uno strumento di supporto completo, esaustivo ed utile tanto all’azienda come allo Studio, in termini di approccio e sviluppo organizzativo. Con una valenza strategica anche in chiave marketing, dato che il SG qualità realizzato secondo le sue previsioni può essere “certificato” da Organismo terzo accreditato, e tale attestazione è spendibile su tutti i principali strumenti di comunicazione esterna.

Le disposizioni della ISO 9001:2015 come noto tuttavia non completano il quadro delle norme e degli standard tecnici disponibili e diversamente utili a livello organizzativo manageriale; e che, sempre su base volontaria come già l’azienda, anche lo Studio può scegliere di adottare per migliorare su vari altri fronti.  Ad es. per approfondire la terminologia ed i concetti della qualità organizzativa, ovvero per avere linee guida di supporto per perseguire il successo durevole e/ o per garantire metodi di c.d. “business continuity” (continuità operativa a fronte di potenziali rischi di eventi ad impatto dirompente)  o ancora per sviluppare una metodologia efficace per conformarsi al dettato di normativa cogente, anche con riferimento all’analisi ed alla gestione dei rischi correlati ad es. alla tutela della salute e sicurezza in ambiente lavorativo.

Tra le più recenti e diverse norme e/o standard tecnici fruibili in parallelo alla ISO 9001:2015  con attinenza anche ad un quadro di regolamentazione normativa cogente di riferimento, rientra certamente a pieno titolo anche la norma UNI EN ISO 37001:2016 sul SG Anticorruzione.

Per saperne di più leggi il mio articolo da ultimo pubblicato con AICQ- Associazione Italiana Cultura Qualità in  Riv. Qualità n. 6 2017 pdf

 

Annunci